Tag Archives: XVI secolo

  • -
Maestro di Cercenasco, Madonna del latte, dettaglio; inizio XVI secolo. Pinerolo, basilica di San Maurizio.

Pinerolo, basilica di San Maurizio. Madonna del latte

Tags : 

La Madonna del latte si trova nella terza campata della navata sud della chiesa di San Maurizio di Pinerolo, al di sopra dell’arca sepolcrale di don Giovanni Barra.

Maestro di Cercenasco, Madonna del latte; inizio XVI secolo. Pinerolo, basilica di San Maurizio.

Maestro di Cercenasco, Madonna del latte; inizio XVI secolo. Pinerolo, basilica di San Maurizio.

Il dipinto ritornò alla luce nel 1890, dopo secoli di occultamento che ne avevano fatto dimenticare la presenza; a parlare del ritrovamento è Pietro Caffaro, studioso pinerolese, che dà conto di una situazione di conservazione piuttosto buona nonostante la presenza di numerose cadute intorno alla figura della Vergine a causa della probabile presenza di ex-voto. Nascosto quasi subito, per la seconda volta, dalla tela di San Rocco, ritornò alla luce fra il 1999-2000.

Raffigura la Vergine, avvolta in un manto blu, che allatta Gesù seduta su un tronetto posto al di sopra di una sorta di predellino; Madre e Figlio sono avvolti in un alone luminoso che si irradia da loro assumendo la forma di una mandorla gialla, secondo una tipologia iconografica tradizionalmente legata alla Vergine dell’Apocalisse: a Giovanni, nella visione del primo segno che segue l’apertura dei sette sigilli, apparve nel cielo “una donna vestita di sole”.

Maestro di Cercenasco, Madonna del latte, dettaglio; inizio XVI secolo. Pinerolo, basilica di San Maurizio.

Maestro di Cercenasco, Madonna del latte, dettaglio; inizio XVI secolo. Pinerolo, basilica di San Maurizio.

L’affresco, per la sua indubbia e stringente prossimità stilistica e tecnica con le vele di Sant’Anna, è attribuibile al Maestro di Cercenasco. Concorrono all’attribuzione anche alcuni dettagli riconducibili all’atelier di Jean Fouquet (pittore del re di Francia della metà del XV secolo), come la profonda scollatura della Vergine o l’impostazione generale della scena, già riscontrati nelle vele cercenaschesi.

La presenza dell’affresco su una parete edificata soltanto a partire dal 1500-1501 e all’interno di una cappella già dedicata a San Rocco nel 1518 (come ci conferma la visita pastorale effettuata in quell’anno da Giovanni di Savoia) consente di circoscrive il limite cronologico in cui inscrivere l’opera; rispetto alle vele di Sant’Anna sono riscontrabili inoltre alcune differenze stilistiche e di linguaggio, differenze che si potrebbero spiegare con il passaggio di qualche anno fra la realizzazione delle due opere. Tenendo in considerazione il lasso di tempo necessario per erigere i muri e renderli adatti ad essere affrescati si potrebbe dunque ipotizzare una data non lontana dal 1510, o poco oltre, nella quale le pareti erano già verosimilmente pronte ad accogliere la stesura pittorica.

L’opera si collocherebbe dunque in un momento piuttosto inoltrato dell’attività dell’artista, di cui costituisce probabilmente l’ultima opera finora nota.

(Per un ulteriore approfondimento si veda il volume Il Maestro di Cercenasco ).


  • -
Madonna con il Bambino, dettaglio

Frossasco
Cappella della Madonna della Grà

Tags : 

La cappella della Grà, detta anche del Bivio o della Neve, è collocata poco al di fuori del centro abitato di Frossasco, a pochi metri della strada del Bivio dalla quale deriva uno dei nomi con i quali è conosciuta. Il primo epiteto, della Grà, è dovuto alla dedicazione alla Madonna delle Grazie, alla quale si aggiunse più tardi quella a san Grato, e designava la località già agli inizi del 1400; l’edificio sorgeva sulla strada che, seguendo l’antico tracciato romano, conduceva da Pinerolo a Susa.

Al suo interno è conservato un affresco che raffigura la Vergine con il Bambino; considerato miracoloso e meta di frequenti pellegrinaggi fino al XVIII secolo, era inizialmente dipinto su un pilone, poi inglobato entro la prima metà del 1600 in una cappella che i successivi ampliamenti portarono all’attuale edificio porticato a pianta rettangolare. Il dipinto si trova oggi al fondo della cappella, circondato da decorazioni di cornici e figure in stucco bianco su fondo azzurro; lo contorna una cornice dorata, sempre a stucco, coeva agli altri decori. Gli atti consolari di Frossasco degli anni 1594 e 1599 citano una “cappella dell’Aggrata posta vicino al pascho della Grata”, il cui nome deriva da un pilone su cui è dipinta una Vergine con il Bambino; gli stessi atti dichiarano che nel 1622 l’affresco era ancora “discoperto e sottoposto a piogge et altri mali tempi”, e che soltanto nel 1634 il rettore della cappella ne fece erigere l’altare.

La prima visita pastorale, eseguita dall’arcivescovo Giovanni Battista Roero, risale al 1753; le condizioni dell’edificio erano all’epoca abbastanza buone e, di fronte ad esso, sulla destra, era annesso il cimitero. La cappella aveva un solo altare, posto alla destra dell’ingresso, ed era chiusa da un cancello di legno. La visita successiva, datata 20 maggio 1776 ed effettuata dall’arcivescovo Rorengo di Rorà, ci ricorda che la cappella aveva già assunto la dedicazione a san Grato al posto di quella della Vergine. Le condizioni di conservazione dell’edificio, all’epoca di proprietà della comunità di Frossasco, non erano più molto buone: alcune parti erano scrostate, altre molto rovinate, e l’altare non aveva più nemmeno la pietra sacra, elemento che ne denuncia la consacrazione.

Nel 1835, dopo un periodo in cui la cappella non sembra più essere di alcun interesse per Frossasco, la comunità locale (di cui l’edificio era proprietà) decise di fare dei lavori di ristrutturazione, a seguito dei quali poté di nuovo essere consacrata. Verrà citata ancora, con il nome di Madonna della Neve, in un elenco di cappelle fatto in una visita pastorale del 1847.

Madonna con il Bambino; cappella della Madonna della Grà, parete di fondo

Madonna con il Bambino; cappella della Madonna della Grà, parete di fondo

Il dipinto conservato sulla parete di fondo raffigura la Vergine, vestita di rosso scuro ed avvolta in un ampio manto blu che nasconde in parte il basso tronetto su cui è seduta; con la sinistra sorregge Gesù, accostandolo alla sua guancia, e con la destra gli accarezza le gambe. Il dipinto è interessato da ampi rifacimenti e ridipinture; l’evidente asimmetria del riquadro e l’eccessiva prossimità della cornice al bordo del dipinto fanno presupporre una maggiore estensione dell’originaria superficie affrescata, poi ridotta in epoca imprecisata.

L’autore del dipinto dimostra di essere a conoscenza delle opere del Maestro di Cercenasco, in particolare nella resa dei volti e nella rappresentazione del Bambino, nonostante palesi una minore maestria esecutiva. Studi stilistici inducono a datare l’opera intorno agli anni Dieci del Cinquecento, a ridosso della Madonna del latte che il Maestro di Cercenasco realizzò in anni non lontani nella Basilica di San Maurizio di Pinerolo (terza campata della navata destra, sopra all’arca sepolcrale di don Barra), della quale, forse, l’anonimo artista che lavorò a Frossasco ebbe conoscenza. La sua prossimità con il Maestro di Cercenasco autorizza ad ipotizzare non solo una conoscenza delle sue opere, ma anche una gravitazione non lontana dall’orbita del suo atelier, che andò ad arricchire il suo linguaggio, maturato molto probabilmente in zona.

(Per un ulteriore approfondimento si veda il volume Il Maestro di Cercenasco).


Cerca nel sito

Il progetto Terredacaia

Articoli, comunicati, interventi

I prodotti del territorio

Seguici su Facebook

Il tuo carrello della spesa:

Terre d'Acaia non è un negozio, ma un portale di promozione del territorio. Tutti i prodotti presentati vengono venduti e spediti direttamente dai produttori. Terre d'Acaia è un'iniziativa no profit e non riceve alcun compenso o percentuale sulle vendite.

Partecipa anche tu. Scrivi un articolo sulla tua attività o descrivi un monumento.